Sono entrate in vigore le nuove regole europee in materia di classificazione dei debitori introdotte dall’Autorità Bancaria Europea (EBA).

Le nuove regole riguardano sia le imprese che i privati.

Le principali novità:

Quali sono i termini per essere considerati in “default”?
Quando il cliente ha un arretrato da oltre 90 giorni consecutivi.

Per quali importi si applicano le nuove regole?

  • Per i privati: per importi superiori ad euro 100,00 e superiori all’1% del totale delle esposizioni creditizie verso la banca.
  • Per le imprese: per importi superiori ad euro 500,00 e superiori all’1% del totale delle esposizioni creditizie verso la banca.

Per uscire dal default dovranno passare tre mesi dal momento in cui non sussistono più le condizioni per tale classificazione e, diversamente dal passato, l’impresa non potrà più impiegare margini ancora disponibili su sue linee di credito per compensare gli inadempimenti in essere ed evitare la classificazione in default

Per ogni approfondimento si suggerisce di prendere contatto con il proprio istituto di credito.

Dott. Simone Vincenzi

Commercialista Modena

M&W Veronesi e Associati